LoZio, Apparentemente Proprio Lui, alla 1° BirrEnduro del Gravity Team

Quando sull’almanacco devo girare la pagina di Agosto, mi prende sempre un po’ di sconforto e, uscendo dal WaterClos, mi sento anche un po’ più vuoto.

E’ sempre così, ogni anno Settembre inizia un po’ sottotono; poi arriva un messaggio da Ale e subito quel mese in cui le giornate diventano corte come il mio fiato e le foglie degli alberi cadono dall’alto verso il basso, beh quel mese così sfigato diventa il periodo più bello dell’anno.

Sì perché c’è la competizione ciclistica Top dell’anno: la mitica SuperD, gara ad invito principalmente in discesa con partenza a trappola e tre rifornimenti obbligatori a base di birra più birra finale; potete agilmente consultare i racconti delle edizioni 2011 e 2012 .

Per le edizioni 2013 e 2014 ve le spiego di persona.

Ma quest’anno la SuperD, che tanto ci aveva divertito negli scorsi anni, non c’è più … perché Ale si è inventato una cosa ancora più TOP della SuperD: la BirrEnduro! Sì, sembra incredibile che possa esistere qualcosa di ancora meglio, ma è proprio così e questo format entra subito nei libri di storia del ciclismo mondiale.

Caratteristiche principali della BirrEnduro:

  • Partecipazione su invito strettissimo e riservatissimo
  • Doti di bellezza innate
  • Circuito ad anello con 3 prove speciali cronometrate
  • Squadre di due atleti con accoppiamento ad estrazione prima della partenza
  • Trasferimenti a tempo libero
  • Partenze con attività diverse, basate su bere birra.
  • Autocronometraggio con foto del compagno davanti all’orologio di fine Prova Speciale

Amici, ditemi o no se qui non siamo di fronte a qualcosa che qualsiasi cosa gli fa una pippa.

Continua a leggere “LoZio, Apparentemente Proprio Lui, alla 1° BirrEnduro del Gravity Team”

Lo Ziofujo all’Omaggio al Cornaggia

Ci sono degli appuntamenti ai quali per vari motivi non puoi mancare, tipo il tuo funerale, altri appuntamenti in cui la tua presenza è spinta da una forza superiore che tutto governa.

Io, ad esempio, sapevo che il 27 Maggio 2012 sarei dovuto andare ad un appuntamento imperdibile già dai primi mesi del ’83; tuttavia non sapendo ancora quale fosse il luogo del ritrovo ed il motivo, ho brancolato nel buio dell’ignoranza per quasi un trentennio. Finalmente, qualche giorno prima della fantomatica data, mi giunge la notifica tanto attesa tramite epistola elettronica; il testo è chiaro: l’affiatato gruppo dei ‘Lupi del Cornaggia’ organizza il tradizionale Omaggio annuale al Monte Cornaggia, monte che si erge a 921 metri di altezza tra la sponda piemontese del Lago Maggiore e il Mottarone.

programma omaggio

Continua a leggere “Lo Ziofujo all’Omaggio al Cornaggia”

Lo Ziofujo alla Superenduro di Limone Piemonte

Oggi racconto della mia partecipazione alla gara di Superenduro valida per il campionato Italiano 2011…

Stamane parto alla volta del sud Piemonte con destinazione Limone Piemonte dove si tiene un happening enduristico a cui tenevo partecipare. Non che avessi ambizioni di maglie tricolori, ma certi avvenimenti mi attirano e ritengo sia bello essere presenti, anche senza fare una mazza, tipo quando i pensionati guardano la ruspa che rompe il tubo dell’acquedotto.

Tuttavia al suonar della sveglia alle 5.30 ho le balle in giostra, sarà per l’ora, sarà per la settimana pesante appena passata, sarà che non ho toccato bici per tutta la settimana, sarà che per andare in quel posto ho già avuto difficoltà lo scorso sabato, sta di fatto che parto senza un gran entusiasmo.

Che mi passa del tutto quando mi accorgo dopo un paio di km di aver dimenticato il tubetto del cammellodietro. Mi manderei a fan-gulo, ma ho troppo rispetto di me stesso per essermi svegliato dopo 3 ore di sonno per andare a fare una gara che mi divaricherà il 16.

Riparto e sembra la volta buona, ho le indicazioni stradali sicure, il navigatore dell’automezzo viene messo in aspettativa mentre quello del telefono è allertato in caso di bisogno. Verso Torino sono più allegro e mi fermo ad un autogrillo. Caffè brioche succo frutta. Esco dal locale e mi trovo un monovolume che ha parcheggiato così vicino alla mia macchina che non ci passa neanche l’aria; la cosa mi fa tornare di malumore, ma quando poco dopo i due buontemponi spostano il monolocale sradicandomi lo specchietto, noto che a bordo hanno due bici ammortizzate solo davanti con escursione pari alla lunghezza del loro pisello. Non credevo ci fossero forcelle così corte. A questo punto il fatto che le loro mogli vadano a letto con l’imbianchino è assolutamente accettabile.
Li insulto in dialetto, la cosa mi rallegra assai.

Aggirata la città olimpica mi perdo ancora, cazzo. Non è possibile, fan-cu-lo.

Infrangendo innumerevoli articoli del codice della strada e consumando una quantità di carburante che mi avrebbe permesso di raggiungere la stazione spaziale ISS, giungo a destinazione in orario.
Ma, una volta espletate le formalità competitive, mi ricordo di non aver praticato la seduta defecante. E pensare che proprio ieri mi vantavo con la mia signorina della regolarità sistematica durante l’ultimo viaggio. Ma da quando son tornato, non ho ancora prodotto niente di solido. certo che arrivare fino ad un posto che si chiama Limone per cacare, non è di buon auspicio.
Purtroppo però trattandosi di gara, sarebbe al quanto antipatico fermarsi nei pressi della partenza delle prove speciali e deporre in un cespuglio la quintalata marrone; così decido di seguire la frecce che indicano toilette… penso le chiamino così solo per la vicinanza con i nichilisti d’oltrape, perché io la toilette non l’ho mica trovata. Al suo posto c’era un cesso, più cesso del solito. Cerco di entrare nell’unico bagno chiuso per portare a termine la mia missione, ma ahimé qualcuno ha già avuto la mia idea. Quindi svuoto il gingillo a muro e attendo fuori che il bagno presidenziale si liberi; la cosa si fa lunga… e anche molle perché il misterioso individuo tira più volte l’acqua. Continua come se fosse in lotta con qualche essere mostruoso. Dopo 10 minuti di sciacquoni e visto che le sgumme mi piacciono, ma solo se fatte con la bici, opto per il piano B. Il Piano Bar.

Entro in un bar qualunque, di cui non farò il nome per ovvie ragioni e perché non me lo ricordo. Comunque è quello dove sono andato con Andre la scorsa settimana.
Nel frattempo l’autobotte di liquame all’interno del mio intestino sta facendo manovra per girare nel crasso. Gioco d’anticipo e prendo un thé al limone con torta, tutto con una classe degna di un lord inglese.
Mi libero della colazione e mi dirigo alla meta, non la bici, ma il bagno. ‘Frutto arancione che matura in autunno’. L’operazione si è risolta, sorprendentemente, in un monoblocco. Tutto sto casino per un coso singolo. Dopo essermi cartavetrato l’orifizio, mi giro per tirare lo sciaquone

AAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH CHI HA MESSO QUESTA SEQUOIA NELLA TURCA?!?!?

Ancora incredulo, gli do dentro di sciacquone, ma senza risultati. Ci vorrebbe una gru. prendo allora in mano lo scopettino e con un paio di stoccate riesco a convincerlo a scendere nel buco della turca, dove tuttora si trova con 4/5 centimetri fuori acqua, incastrato.

Me ne torno al mio impegno di giornata sconcertato da cotante dimensioni; non credevo di avere queste doti di elasticità.

Giunto in quota nell’attesa di partire per la prima prova, però capisco il vero significato dell’oggetto ostruente. Non si tratta di escremento o sequoia o vagone di treno, bensì del famoso coperchio del vaso di pandora. Ho dovuto dare fondo alla mia fantasia per coprire la quantità di emissioni gassose emesse in 5 minuti senza soluzione di continuità. Aiutato dal vento, credo di non essere stato scoperto. Nel caso verso Asti venissero trovati merli morti, non fatevi confondere da supposizioni di ufo o inquinamento globalizzante, è stato più semplicemente un vostro zio.