LoZio, Apparentemente Proprio Lui, alla 1° BirrEnduro del Gravity Team

Quando sull’almanacco devo girare la pagina di Agosto, mi prende sempre un po’ di sconforto e, uscendo dal WaterClos, mi sento anche un po’ più vuoto.

E’ sempre così, ogni anno Settembre inizia un po’ sottotono; poi arriva un messaggio da Ale e subito quel mese in cui le giornate diventano corte come il mio fiato e le foglie degli alberi cadono dall’alto verso il basso, beh quel mese così sfigato diventa il periodo più bello dell’anno.

Sì perché c’è la competizione ciclistica Top dell’anno: la mitica SuperD, gara ad invito principalmente in discesa con partenza a trappola e tre rifornimenti obbligatori a base di birra più birra finale; potete agilmente consultare i racconti delle edizioni 2011 e 2012 .

Per le edizioni 2013 e 2014 ve le spiego di persona.

Ma quest’anno la SuperD, che tanto ci aveva divertito negli scorsi anni, non c’è più … perché Ale si è inventato una cosa ancora più TOP della SuperD: la BirrEnduro! Sì, sembra incredibile che possa esistere qualcosa di ancora meglio, ma è proprio così e questo format entra subito nei libri di storia del ciclismo mondiale.

Caratteristiche principali della BirrEnduro:

  • Partecipazione su invito strettissimo e riservatissimo
  • Doti di bellezza innate
  • Circuito ad anello con 3 prove speciali cronometrate
  • Squadre di due atleti con accoppiamento ad estrazione prima della partenza
  • Trasferimenti a tempo libero
  • Partenze con attività diverse, basate su bere birra.
  • Autocronometraggio con foto del compagno davanti all’orologio di fine Prova Speciale

Amici, ditemi o no se qui non siamo di fronte a qualcosa che qualsiasi cosa gli fa una pippa.

Fattostà che ricevuto l’invito cancello ogni impegno che avevo per il 27 Settembre; per sottolineare l’importanza che questo evento ricopre, vi cito solo alcuni degli impegni che ho immediatamente depennato dalla mia agenda di Hello Kitty:

  • Festa per la mia Laurea
  • Saggio di zumba
  • Viaggio Papale negli USA
  • Partenza per la stazione orbitale ISS per riprendere le chiavi di casa dimenticate dal Top Model Antogno in un precedente soggiorno. (Per chi non conoscesse questo personaggio, può consultare il trittico di interviste che inizia qui.)

Liberatomi da questi fastidiosi impedimenti, posso finalmente concentrarmi sull’evento dell’anno; alla SupedD 2011 mi ero presentato sottoforma di Zio, a quella del 2012 sottoforma di Padre Fonzio, a quella del 2013 sottoforma di chitarrista dei Catrame, a quella del 2014 sottoforma del Top Model Antogno.

Per questa storica prima edizione della BirrEnduro 2015 decido allora di presentarmi come me stesso, quindi sottoforma di pera.

Per questa edizione, visto il boom delle bici elettriche, mi presento con il Ciao. Va bene uguale, c’ha i pedali e con la ruota in lega dietro farò un figurone.

IMG_20151001_094006

Mi organizzo per tempo, dichiaro di arrivare con larghissimo anticipo per fare un giro di prova dei sentieri dedicando particolare attenzione ai passaggi più tecnici, per poi rilassarmi aspettando i miei compagni di team.

In realtà esco tardi da casa, poi ci ritorno per cacare, e come sempre mi perdo nei pressi di Vignone, essendo troppo ottuso per decifrare i consigli del navigatore soprattutto per andare in un posto che so dov’è.

IMG_20151001_094111

Non mi resta che attaccarmi al solito coso e raggiungere la partenza della gara in località San Salvatore dove tanta bellezza tutta insieme non s’era mai vista.

IMG_20151001_094227

Estrazione delle coppie e nel mio team c’è Daniele, accreditato di un personale di 3,6 secondi per bere una mezza di birra è il mio compagno ideale.

Neanche il tempo capire che abbiamo sete e ci troviamo già con una mezza in mano: si parte in bici, bevendo la birra mentre percorriamo una gimkana tra i birilli con tanto di bascula, poi un rutto e giù a manetta per la prima prova speciale.

IMG_20151001_094357

A fine prova apparentemente sobrio in neanche un quarto d’ora riesco ad uscire il telefonino per immortalare Dany bellissimo nell’affiancarsi al timer di fine PS.

IMG_20151001_094649

Il livello del divertimento è già al TOP e ripartiamo allegramente per raggiungere la partenza della PS 2, quando strada facendo incontriamo Edo che oltre a volare ( Edo vola davvero, come quelli che hanno il mantello ), ha avuto tempo di occuparsi anche della ruota di André le Fransé o Brasileiro che dir si voglia.

IMG_20151001_094440

Io invece, utilizzando una camera d’aria Made in Edo, sono assolutamente immune da forature.

Ale come sempre ha messo giù un’organizzazione da Coppa del Mondo e alla partenza della PS 2 sono già presenti banchetto birre, addetti al timer, stampa specializzata e fotografi.

IMG_20151001_094538

Briefing di partenza PS2: allo scattare dell’ora di partenza si beve con la calma, eleganza e la pacatezza che ci contraddistingue una mezza di birra nel più breve tempo possibile, per poi cercare di far fare un salto di 360° al bicchiere vuoto: tipo quello che da giovani si faceva con il pacchetto di sigarette marca Marlboro, incorrendo in varie penitenze fisiche e morali.

IMG_20151001_094617

Devo ancora capire che giorno è che Dany ha già buttato giù la birra e al primo colpo riesce a far girare il bicchiere, allora via a manetta. Ma entrando nel bosco mi accorgo di non aver messo gli occhiali d’ordinanza così mi fermo e indosso l’accessorio che mi permetterà di non vedere più una mazza nel buio del sottobosco.

I sentieri sono bellissimi, tanto quanto i giovanotti che li percorrono.

Si risale per la terza ed ultima PS.

Briefing di PS3: Un compagno del team si beve una meritata birretta, poi via a manetta per 50 metri, inversione al birillo e ritorno al banchetto dove l’altro compagno si beve la sua birra e via sul sentiero come se non ci fosse un domani, ma anche un ieri.

A fine gara livello di gasamento generale al TOP, rientriamo verso la partenza per la premiazione, aperitivo e bere finalmente un po’ di birra.

Prima però devo sistemarmi un attimo: la condanna alla bellezza esige il suo tributo in ogni situazione, così mi dedico ad una seduta di accappatoio per ridefinire e innalzare ulteriormente i target minimi dell’eleganza alle manifestazioni ciclistiche.

IMG_20151001_095055

Ce la spassiamo alle premiazioni con un podio che più podio non si può perché alla BirrEnduro ti diverti, bevi, ridi, ma ci sono anche delle manette sempre aperte!

PhotoGrid_1443693807393

Con moderazione assaggiamo l’aperitivo messo a disposizione dalla perfetta organizzazione, dopo di che ci dirigeremo al Pub O’Connors per la cena; non prima di aver fatto un ultimo sorso di birra dimostrando una volta ancora, come se ce ne fosse bisogno, che bellezza, eleganza e sobrietà sono tatuate a fuoco sui nostri interno coscia.

IMG_20151001_094907Se con la SuperD avevamo raggiunto il TOP, beh con la BirrEnduro abbiamo raggiunto e contestualmente superato lo STRATOP con la gara del MILLENNIO, di questo, quello prima e quello dopo. Stop.

La BirrEnduro la puoi anche guardare!

http://video.mtb-forum.it/v/5783

Poi al Pub tra una birra e l’altra, devo aver mangiato un metro cubo di cotiche fritte perché durante la notte ho fatto uno strano incubo; stranissimo perché in pratica ho sognato la BirrEnduro al completo, esattamente come l’ho raccontata poco fa, ma con la presenza di Mao. Ma non una presenza normale di Mao alla gara del Gravity Team, bensì

L’ULTIMA VOLTA DI MAO ALLA GARA DEL GRAVITY TEAM 

C’era una volta una gara della Madonna, che Ale aveva organizzato con grande sbattimento e con l’aiuto della sua famiglia al completo, più gli amici più cari e sbattendosi come un matto prima, durante e dopo.

Contemporaneamente c’era anche Mao; e quando dico che c’era anche Mao intendo che non è che era presente come tutti gli altri, ma egli stazionava costantemente, con le sue vocali aperte e il suo andamento da hinterland milanese, proprio sulle balle di Ale.

Grazie alla nuova applicazione iCotica, ho potuto fotografare alcune parti del sogno, dalle quali meglio comprendere il posizionamento del forte atleta Cannobbino.

IMG_20151001_094307

IMG_20151001_114559

Nel sogno c’era anche la parte in cui Mao, forte di numerosi campionati di ReBoia vinti in passato, cercava di ribaltare il bicchiere all’inizio della PS2, ma non so come sia andata a finire perché dopo una cinquantina di tentativi, mi sono addormentato.

Al mio risveglio sulla home page di iCotica mi è apparsa la foto del sogno che rappresenta perfettamente il mio incubo: quella volta che Mao ha partecipato all’ultima sua gara del Gravity Team.

IMG_20151001_094759

Tranquillo Mao tanto era solo un sogno e ora di settembre 2016 faremo in tempo a dimenticarci di quanto hai rotto il cazzo!

IMG_20151001_095001

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...