Chiedilo allo Zio – Puntata 13: Il Bidet Questo Utile Sconosciuto

Cari Tutti quanti, ma soprattutto tu che stai leggendo ora, torna una nuova puntata della rubrica di pubblica utilità ‘Chiedilo allo Zio’ per rispondere finalmente ad una domanda che giaceva intonsa nella cassetta delle lettere della rubrica da tempo immemore, quando ancora ricevevo missive epistolari.

C’avete un problema? O forse una curiosità che però mette a rischio la vostra vita? Siete stufi di cercare senza successo Mario Pacheco su facebook? Le avete provate tutte, ma niente da fare?

Allora avete bisogno del vostro Zio preferito, medaglia d’oro al valor civile in Maestramento di Vita. Rivolgete le vostre domande commentando l’articolo in fondo alla pagina e/o su facebuc e/o su cinguetter e/o via piccione viaggiatore. Sarà mia premura rispondere a tutti nel giro di qualche giorno al massimo un lustro.

Ma veniamo alla domanda di oggi, che, come scritto poc’anzi, è assai vecchia e, a dire il vero, mi ha dato del filo da torcere per giungere ad una risposta brillante ed esaustiva.

Mi scrive Andrea, affezionato lettore del blog Caco, nonché abbonato alla rubrica ‘Chiedilo allo Zio’:

Caro Zio,

forse ti ricordi di me, anche se è da un po’ che non ci sentiamo.

L’ultima volta che ci siamo scritti, ero alle prese con il mio progetto di fare il Ministro… ebbene il progetto è naufragato.
Nel frattempo avevo trovato un buon posto come aiutante di un “pezzo grosso” alla regione Lazio, ma anche qui c’è stato qualche problemino e sono dovuto emigrare.

Ma veniamo alla domanda, questa volta molto semplice per un maestro di vita della tua caratura:

Perché in buona parte del mondo si ostinano a ignorare quella che a mio parere è una delle migliori invenzioni del genere umano: il bidet?

Sono sicuro che mi risponderai al più presto.

Con stima

Andrea

bidet cane

Continua a leggere “Chiedilo allo Zio – Puntata 13: Il Bidet Questo Utile Sconosciuto”

Annunci

5 Personaggi che Cantano a Sanremo fingendosi The Bloody Beetroots

Come ci insegna la serie tv di Batman degli anni ’60, una semplice maschera ci permette di esporci in pubblico nel totale anonimato.

Proprio per questo nessuno si è accorto che sotto gli avveniristici copricapi di The Bloody Beetroots, che duetta a Sanremo 2014 insieme all’elegante Raphael Gualazzi, si esibiscono a rotazione diversi personaggi famosi.

Per fortuna il vostro Maestro di Vita preferito, dopo Antonio Razzi, aggirandosi dietro le quinte li ha individuati e smascherati prima che si mettessero gli abiti di scena.

 

1 – Ronaldo

bloody ronaldo

 

2 – Maccio Capatonda

bloody maccio

 

3 – Marco Della Noce

bloody della noce

 

4 – Loris Capirossi

bloody capirossi

 

5 – Domenico Dolce

bloody dolce

 

 

3 Tipi di Spettatori della Prima Serata del Festival di Sanremo

Il Festival della Canzone Italiana che si tiene come tradizione a Sanremo, abbastanza ridente località della costa Ligure, negli anni ha perso il suo interesse per la canzone diventando fenomeno di costume, nell’accezione carnevalesca del termine, anzi, direi fenomeno da baraccone.

E con il format è cambiato anche il pubblico; ecco tre tipologie base di spettatori del Festival di Sanremo 2014:

1 – Quelli che non aspettano altro che vedere Sanremo e al termine della puntata, verso le 4 e 15, si guardano un paio di puntate registrate di ‘Che tempo che fa?

2 – Quelli che non aspettano altro che vedere Sanremo, anche controvoglia, per commentare sui social.

3 – Quelli che non aspettano altro che vedere Sanremo sperando che qualcuno minacci di buttarsi dalla galleria, poi arriva di corsa Fazio, si toglie la maschera ed è Pippo Baudo, per l’occasione con i capelli di tinti a nuovo, li salva da morte certa e torna a presentare le canzoni. Ma roba tipo Albano e Romina che cantano ‘Ci sarà’ featuring  The Bloody Beetroots come se non ci fosse un domani.

albano-e-romina-a-sanremo

10 Risposte Eleganti per Rifiutare delle Avances Fastidiose

Carissimi Tutti, ma soprattutto Tutte, oggi il vostro Maestro di Vita preferito dopo Carlo Cracco, vi propone un aiuto per liberarvi velocemente e con eleganza da ammiratori indesiderati.

Questo decalogo è dedicato alle ragazze, dato che a noi, giovani uomini, basta aprire la bocca dicendo qualsiasi cosa per far scappare la nostra interlocutrice.

Salvate il decalogo sul vostro smartphone e la prossima volta che vi sentirete chiedere ‘Scusa, ma non ci siamo già visti da qualche parte?’ avrete un ventaglio di risposte per liberarvi velocemente del quadrupede di fronte a voi, con tutta l’eleganza che vi contraddistingue.

TOY STORY 3

‘Scusa, ma non ci siamo già visti da qualche parte?’

1-      Si, in un incubo.

2-      Si, alla toilette. Dove sei finito quando ho tirato l’acqua?

3-      Si. Pensa che quella volta mi sembravi brutto, ma adesso sei anche peggiorato.

4-      Si, su Facebook. Finalmente ho un buon motivo per cancellarmi.

5-      Non credo. A quel paese non ci sono ancora stata.

6-      Si, ma fino all’ultimo ho sperato che non fosse vero.

7-      Forse a qualche manifestazione; sei uno di quei cretini che salutano quando vengono inquadrati dalla tv?

8-      Si, infatti il mio oroscopo aveva previsto una giornata di merda. Certo non fino a questo punto.

9-      Si, credevo d’averti visto al tuo funerale, ma purtroppo mi sbagliavo.

10-    ‘Una bestemmia qualunque’.  E’ un po’ forte, ma di sicuro impatto.

Buone conversazioni!